Dolcetto

Inconfondibile nelle vigne, il vitigno Dolcetto affonda le sue radici nel Medioevo e, secondo alcuni, deve il proprio nome alla dolcezza degli acini.

Un’altra ipotesi vuole che il Dolcetto sia chiamato così in quanto l’uva cresce bene sui dossi: duset in piemontese. Il Duset, Duzeto o Dozzetto, i cui primi riferimenti certi risalgono al Seicento, fu in seguito gradita presenza nei vigneti di Camillo Benso Conte di Cavour. Il fatto che il Dolcetto sia nominato ancora oggi Douset in dialetto piemontese tende a confermare che si tratta della medesima varietà.

Con quest’uva produciamo: